Partecipanti 2022

Vacanze Per Te

Il progetto vuole essere un modello innovativo di accoglienza inclusiva in cui gli elementi vincenti sono servizi dedicati al turismo accessibile, professionalità di un tour operator consolidato negli anni e sensibilità e visione di tante strutture alberghiere del Gruppo Best Western Italia. Tutto questo per proporre emozionanti esperienze inclusive da vivere nelle più belle località d’Italia. Vacanze per te propone alle famiglie e alle persone con disabilità per l’estate 2022, dieci località differenti per viaggi accessibili e inclusivi in Italia. Le esperienze incluse nel pacchetto si suddividono in: Arte e cultura, Natura, Mare. I pacchetti che includono queste esperienze si possono personalizzare in base alle esigenze di ciascuno. Per queste proposte di vacanza sono state selezionate le migliori strutture ricettive per quanto riguarda accessibilità, qualità del servizio e ospitalità della catena Best Western Hotel. Inoltre sono stati selezionati dei professionisti che hanno il compito di supportare nella partecipazione alle attività e nell’assistenza materiale come ad esempio il trasferimento dalla carrozzina alla macchina, l’assistenza al mare o in piscina, l’assistenza durante i pasti e nell’igiene personale. Tutte le iniziative sono assicurate con AXA, leader mondiale delle Assicurazioni, per quanto riguarda la responsabilità civile e assistenza sanitaria 24h, rimborso spese mediche e assicurazione bagaglio. Con questa iniziativa BWH rafforza ancor di più l’impegno dei suoi albergatori e staff nel dare vita ad un’accoglienza e una permanenza negli hotel compiutamente inclusiva e accessibile. Vacanze per te è la soluzione di vacanza per tutta la famiglia, una personalizzazione del servizio con una guida esperta del territorio. La guida Cityfriend, infatti, non è solo un punto di riferimento per la persona con esigenze durante le escursioni, ma anche colui che ha come obiettivo rendere l’esperienza di vacanza più facile e più bella per tutti, sapendo comprendere le specifiche esigenze e relazionandosi al meglio. A disposizione nella struttura scelta per il soggiorno, su specifica richiesta è possibile avere anche il servizio di un’assistente personale, un operatore che ha il compito di supportare nella partecipazione alle attività cercando di facilitare l’interazione con i diversi contesti e superare eventuali barriere, di favorire l’autodeterminazione incentivando la persona a prendere delle decisioni e a fare delle scelte e, se richiesto, di occuparsi dell’assistenza materiale come ad esempio il trasferimento dalla carrozzina alla macchina, l’assistenza al mare o in piscina, l’assistenza durante i pasti e nell’igiene personale.

Vota mettendo “Mi piace” qui: Facebook

Riferimento: https://www.cityfriend.it/blog-senza-barriere/pacchetti-vacanze-accessibili/vacanze-per-te-bwh-hotel-group-italia-cityfriend-e-easy-nite-insieme-per-il-turismo-accessibile


VenetoAccessibility

Venetoaccessibility è una mini guida dedicata alla mia regione, per informare tutti gli amici in carrozzina, manon solo, anche familiari o solo curiosi, sui posti accessibili dove fare la cosa che personalmente mi piace di più: MANGIARE!

Mi chiamo Chiara Maniero, sono una ragazza rimasta paraplegica a seguito di un’ischemia al midollo il 20 Giugno 2021. Da poco sono entrata nel mondo dei problemi di chi ha una sedia a rotelle, mondo fino a pochi mesi fa per me totalmente sconosciuto. Spinta dalla voglia di tornare a fare quello che facevo prima, e non trovando sui social aiuti particolari in merito, ho deciso di creare una pagina Instagram che si chiama VENETOACCESSIBILITY, dedicata alla mia regione. Mi sono chiesta, ma io, che amavo gli aperitivi i pranzi e le cene fuori, come faccio ora ad entrare in alcuni posti? E in effetti molti locali non hanno la possibilità o le misure corrette per accogliermi. Ho deciso di mappare secondo dei criteri specifici l’accessibilità di bar, ristoranti e pub in veneto, e da qui è nata la mia idea. I punti in cui mi soffermo sono: PARCHEGGIO – ENTRATA DEL LOCALE E TAVOLO – SERVIZI IGIENICI. Poi ovviamente ho pensato che fosse giusto evidenziare bene cosa propone la cucina, perché mi piace mangiare! E penso che a parte l’accessibilità bisogna anche andare in posti dove si mangia bene giusto no?

Chiara Maniero

Vota mettendo “Mi piace” qui: Facebook

Riferimento: Instagram Ufficiale

 

 


ONE SENSE®

ONE SENSE® un ristorante “etico”, ispirato all’accoglienza e all’inclusione a 360°.

Questa singolare esperienza trae origine da una problematica insorta quando Valla, Valeria Olivotti, persona Sorda Bilingue aveva solo 3 anni: un virus contratto inaspettatamente le generò una sordità profonda irreversibile, condizionando, da quel momento, la sua intera vita. Passarono anni molto complessi, costellati di episodi spesso in profondo contrasto con quel concetto di accoglienza ed integrazione della “diversità” che dovrebbero essere alla base di qualunque Società evoluta. Nonostante i grandi passi in avanti, compiuti a livello politico e sociale, ancora si assiste ad episodi di forte discriminazione, che traggono origine dall’assenza di una educazione civica strutturata, fin dall’età prescolare, laddove il “forte” ha sempre la meglio sul suo vicino, a dispetto delle regole e dei diritti di ognuno. La tenacia e la determinazione di Donatella e Valla, però, hanno avuto la capacità di rendere tutte queste avversità fonte di ulteriore forza, indicando loro la strada di un obiettivo sociale, dove la “diversa abilità” diventa ricchezza universale ed elemento qualificante, a beneficio della Società e delle categorie più svantaggiate. Nel 2018, quindi, ha preso vita ONE SENSE®, sito nel quartiere popolare della Garbatella a Roma: un locale con un’offerta di Ristorazione di alta qualità, e strutturalmente progettato, in modo da abbattere qualsiasi barriera architettonica, per poter dare ospitalità ad eventi di qualunque genere, nell’ottica dell’accoglienza e dell’inclusione di qualsiasi tipo di Clientela, a prescindere dalla propria abilità fisica, identità di genere, credo religioso e politico, etnia. La nostra realtà è composta da ragazzi e ragazze sordi, in servizio in Sala, che leggendo dalle labbra degli Ospiti, e comunicando tra di loro con la Lingua dei Segni (LIS), sono in grado di gestire le richieste anche più complesse con entusiasmo e simpatia: si tratta, infatti, di “sordi bilingue”, che possono interagire perfettamente anche con le persone udenti, dimostrando di non avere limiti comunicativi ma, al contrario, di possedere una grande versatilità e predisposizione al dialogo. In Cucina, invece, il nostro Chef Valerio Sauro, con il suo particolare tocco distintivo, è alla prese con un menù di solida tradizione mediterranea, che predilige la scelta di materie prime di eccellenza, nel pieno rispetto della stagionalità dei prodotti, che provengono rigorosamente da filiere etiche e biologiche, che non ricorrono a manodopera irregolare o minorile, e non fanno ricorso a concimi chimici, pesticidi e a qualunque altro elemento dannoso per l’Ambiente.

 

Vota mettendo “Mi piace” qui: Facebook

Riferimento: Sito ufficiale


WebinLIS – Incontri virtuali, condotti sulla piattaforma Zoom

I WebinLIS sono incontri virtuali, condotti sulla piattaforma Zoom da una guida e da un’interprete della Lingua dei Segni Italiana (LIS), dedicati alla storia, all’arte, all’archeologia e al folklore. L’iniziativa, aperta a tutti, ha permesso di superare barriere sensoriali e geografiche, creando una vera e propria comunità online. Oggi costituisce anche un’occasione, per gli studenti della LIS, di migliorare le proprie capacità di comprensione e di espressione in modo interattivo e divertente.

Le Visite virtuali – WebinLIS sono un’iniziativa nata nell’Aprile del 2020 per continuare a trasmettere contenuti culturali accessibili ai nostri soci e accompagnarli da remoto nei lunghi mesi di chiusura. Si trattava di visite virtuali accessibili, condotte sulla piattaforma di videoconferenza Zoom da una guida e da un’interprete della Lingua dei Segni Italiana (LIS). Gli incontri, dedicati a diversi aspetti della storia, dell’arte, dell’archeologia, della letteratura e del folklore, sia romane che italiane e mondiali, venivano messi in voce dalla guida, tradotti simultaneamente nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) e accompagnati da una presentazione Powerpoint con immagini esplicative. In alcune occasioni, i webinar sono stati tenuti da guide sorde, accompagnate da un interprete per la messa in voce. La creazione di un gruppo Telegram ha rappresentato l’occasione, per gli utenti, di decidere loro stessi gli argomenti di ciascun incontro, mediante la pubblicazione di sondaggi. Tra gli argomenti trattati: I culti della Roma antica; L’Appia: la regina delle strade; I 100 anni della Garbatella; Il cimitero monumentale del Verano; Tutti i segreti di Caravaggio; Animali, emblemi e simboli: viaggio parallelo nella storia dell’arte; Abitare nell’antica Roma; Sublime bruttezza: Inferno, morte, mostri ed altri portenti; Ville nascoste di Roma; Abitare nel Medioevo; Non solo Duchamp, come ti racconto il contemporaneo!; Istanbul, alla scoperta dell’antica Costantinopoli; Miti e leggende dell’Antica Grecia; Città del Mondo: Sarajevo e Mostar; Donne, Arte e Mito; Città del Mondo: Samarcanda; Miti scritti tra le stelle; Dal mondo pagano a quello Cristiano: feste della tradizione religiosa e popolare; Drappi, tessuti e costumi tradizionali di Roma e dintorni. Ciascun incontro, aperto non soltanto alle persone sorde, ma anche agli altri soci, ciechi e udenti, prevedeva uno spazio di confronto finale, in cui l’interprete metteva in voce o in LIS le domande e relative risposte. Il risultato di questa iniziativa è stato, sin dall’inizio, la nascita di una vera e propria comunità online, unita dal piacere della conoscenza e in grado di superare barriere sensoriali e geografiche. Le visite virtuali, originariamente gratuite, in seguito ad offerta libera, attualmente fruibili tramite abbonamento, sono ancora un appuntamento fisso per i soci dell’Associazione, un’occasione di incontro, di inclusione, di arricchimento culturale e personale e, non ultimo, di formazione: alla “comunità” dei WebinLIS si stanno unendo sempre più gli studenti delle Scuole di Interpretariato LIS, che vedono negli incontri un’occasione inedita, interattiva e divertente, per migliorare le proprie capacità di comprensione e di espressione nella LIS. L’iniziativa si propone nel tempo di ampliare la propria offerta nell’ambito degli argomenti da trattare, di coinvolgere un numero sempre maggiore di guide sorde e di soci, e di continuare ad essere un veicolo di accessibilità e inclusione.

Vota mettendo “Mi piace” qui: Facebook

Riferimento: Sito ufficiale